Benvenuti in hotelValleCamonica:

la Valle dei Segni e dei laghi

Punti di iteresse

Alta Vallecamonica

Ponte di Legno - Un paese con una lunga tradizione montana, legata alla pastorizia e alla coltivazione, cuore di una zona che ha vissuto importanti momenti bellici, diventato con il passare degli anni un'importante località turistica alpina, fra le più note d’Italia. Nominata nel 1912 dal Touring Club Italiano prima stazione italiana di turismo e sport invernali, Ponte di Legno oggi può fregiarsi, nell’immaginario collettivo, della denominazione di ‘Perla della Val Camonica’. Per le caratterist

Al confine tra la Lombardia ed il Trentino, il Passo Tonale è un anfiteatro naturale che delimita la Val di Sole dalla Vallecamonica, aperto al sole e panoramico, che si spiega dai 1884 metri ai 3100 metri di quota fra i gruppi dell'Ortles-Cevedale e dell'Adamello-Presanella.

Il Parco dell'Adamello si trova al centro della catena alpina, nelle Alpi Retiche, e comprende tutto il versante lombardo del gruppo dell'Adamello, zona ubicata nella porzione nord-orientale della provincia di Brescia. Si estende per 51.000 ettari (510 km2), dal Passo del Tonale a quello di Crocedomini; a est il Parco ha per limite il confine regionale tra Lombardia e Trentino, a ovest il suo confine si mantiene poco al di sopra della sponda sinistra dell'Oglio,

Il Museo della Guerra Bianca nasce per iniziativa di un reduce della prima Guerra Mondiale, che combatté proprio sul Ghiacciaio dell’Adamello. Con l’aiuto di un gruppo di volontari sono stati raccolti manufatti, armi ed oggetti ritrovati sul ghiacciaio, a testimonianza delle fatiche e delle sofferenze di una guerra svoltasi a 3000 metri di quota, in condizioni estreme.

Il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri fu istituito nel 1955, primo parco archeologico italiano, per la tutela e la valorizzazione di uno dei più importanti complessi di rocce con incisioni preistoriche e protostoriche della Valle Camonica. Si estende su una superficie di 143.935 mq in Località Naquane, sul versante idrografico sinistro della Valle Camonica, tra i 400 e i 600 m/slm.

Describe your image here. Click me and then "Organize Images" to change my text.

Il castello di Breno non è soltanto un luogo suggestivo, ma un monumento ricco di storia. Ciò che si vede non è in realtà un castello, ma un complicato tessuto di costruzioni edificate in secoli diversi per scopi diversi. E’ nato come un insieme di palazzi e torri al tempo di Federico I Barbarossa (1100-1200) ed è stato poi trasformato in roccaforte militare all’epoca della Repubblica di Venezia (1400-1500). Il castello come lo vediamo oggi, però, ricopre in parte i resti di testimonianze preist

Il Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica è un Istituto di proprietà statale destinato alla pubblica fruizione: collocato dal 1981 all’interno di uno stabile moderno donato allo Stato dal Consorzio Bacino Imbrifero Montano, è stato creato con l’obiettivo di raccogliere, conservare e valorizzare il patrimonio archeologico mobile di età romana proveniente da Cividate Camuno e dall'intero territorio della Valle.

Il Santuario della Via Crucis conserva le 14 stazioni di un capolavoro dell’intaglio ligneo del ‘700: le cappelle sono raccolte ai lati di una scalinata, a custodire un unico edificio la cui facciata dà sulla piccola piazza di Cerveno. Le stazioni sono composte da gruppi scultorei in legno e gesso per un totale di 198 statue, in gran parte opera dello scultore Beniamino Simoni da Saviore, completate fra il 1752 e il 1764. Le stazioni VIII –IX – X sono state completate dai nipoti del Fantoni, men

la via del vino di vallecamonica

la via del vino di vallecamonica